Il capodanno e la sua festa

posted in vita

Il capodanno e la sua festa

Oggi è l’ultimo giorno delle feste di capodanno in Giappone, e l’inizio dell’anno qui è preso molto seriamente. È una celebrazione civile, spirituale e familiare i cui festeggiamenti prevedono delle sessioni molto serie di pulizie, prima che scocchi la mezzanotte del primo. Il concetto è quello di entrare nel nuovo anno pulitissimo con una casa, un ristorante, una macchina altrettanto intonsi. Sulla pulizia rituale non si scherza.
Tokyo è vuota, tipo ferragosto. Tutti quelli che possono tornano a casa dei genitori. La capitale normalmente è abitata da persone venute da fuori. Negli orari normalmente di punta i treni sono vuoti, fa un effetto un po’ straniante. Tutto è decorato con rami di pino e bambù, spesso le strade sono pavesate con la bandiera nazionale del Giappone, tanto per aggiungere un po’ di amore nazionale alla celebrazione.
I negozi sono chiusi. È forse l’unico momento in tutta la vita annuale a Tokyo in cui un italiano può, ridacchiando, lamentarsi che i giapponesi non hanno voglia di lavorare. Il primo gennaio è impossibile comprare alcunché nei negozi (in realtà i minimarket-combini sono aperti), ma soprattutto per tutto il periodo delle feste è impossibile fare la cosa che avrei voluto di più: andare per musei. No es posible! Todo cerrado! Ovviamente niente piscine o altri stabilimenti pubblici.
Come si trascorre la mezzanotte? Io ero in fila per suonare la campana del tempio vicino casa mia,  dal suono cupo, un po’ tetro. Il batacchio è sospeso all’esterno, sospeso con due funi, e si capisce chiaramente che è un tronco di palma. Il prete cantillava le prime preghiere dell’anno e poi ci hanno offerto una zuppa dolce di fagioli rossi. La luna era bellissima, quasi abbagliante nel cielo croccante di stelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *